Chi Siamo

Immagine principale

 

Il gruppo Pedibus

Fino ad ora il Pedibus conta 81 bambini iscritti ed ancora non è finito l’anno scolastico: questo riscontro positivo, di apprezzamento, che continua a manifestarsi, è per noi fonte di soddisfazione. In più, l’iniziativa, quest’anno, è stata premiata anche dall’Associazione degli Artigiani “per la generosità e il servizio reso al Comune di Quarto d’Altino.”

 

Per il buon funzionamento del Pedibus:

ci avvaliamo dell’impegno dei Polizia Municipale nel migliorare alcune condizioni della viabilità; dell’appoggio dell’Amministrazione Comunale per la segnaletica, la visibilità dei percorsi, la realizzazione di fasce pedonali, una vigilanza maggiore per migliorare la sicurezza;

ci è fondamentale il supporto notevole e convinto della Scuola e l’impegno straordinario aggiuntivo da parte di alcuni insegnanti, in primo luogo della maestra Nadia Zanon e del personale ausiliario. Insieme stimoliamo nei ragazzini la capacità e la voglia di osservare e apprezzare gli aspetti belli e positivi del paese e di individuare quelli da migliorare. Proviamo a sollecitarne l’allegria lungo il percorso e a compensare - anche se parzialmente - le ore di sedentarietà trascorse spesso davanti alla televisione o con i videogiochi;

Godiamo anche della sensibilità di uno sponsor che si è offerto di contribuire all’iniziativa offrendo le pettorine e della rete di alcuni negozi aderenti ad Altinonline che mettono a disposizione delle famiglie degli utenti e degli organizzatori, sconti sugli acquisti per tutta la durata dell’anno scolastico.

 

Col Pedibus si offre un servizio, un piccolo aiuto alle famiglie dei ragazzini, ma non solo: tramite le occasioni di incontro (riunioni o attese alla fermata) si favorisce anche un processo di socialità preziosa per i singoli individui, per le famiglie e, in definitiva, per tutto il paese. Non c’è delega di alcuni verso altri, ma ciascuno contribuisce secondo le proprie disponibilità tanto che alcuni accompagnatori sono impegnati un solo giorno alla settimana. Abbiamo raggiunto quota 51 conduttori e alcuni tra essi sono tanto volontari da non essere parenti di nessuno dei ragazzini iscritti.

Crediamo moltissimo in questa idea che impegna tutti noi, perché amiamo i nostri ragazzini e giovanotti, ma amiamo anche il paese dove oggi viviamo e che immaginiamo paese dei figli degli odierni ragazzini.

Vorremmo che i bambini imparassero ad appropriarsi del LORO paese e, in ciò, anche i parenti li affiancassero per migliorarlo. Sogniamo che pian pianino conoscano la toponomastica perché in gran parte di essa vi è la storia di questo territorio. In definitiva, da città attenta al pedibus, passo dopo passo, diventi città a misura di ragazzini, ma anche di anziani e di disabili.

Un paese a misura di bambino è un paese più bello per tutti, anche per gli anziani, alcuni dei quali potrebbero approfittarne per aprirsi un po’ di più alla socialità e vivere meglio il paese.

 

Il gruppo pedibus (nei quattro anni di storia):

Luisa Ferrari, Chiara Perissinotto, Gaetano Lomoriello, Gina Florian, Stefania Cenedese, Silvano Zanon e i conduttori Sandra V., Stefania D., Claudia F., Antonella D., Valentina F., Silvia C., Katia B., Valeria B., Daniela D., Valentina B., Stefano P., Agnese D., Massimo M., Mauro P., Tatiana F., Sergio B., Luciano F., Ornella G., Arianna Z., Alessandra P., Lisa C., Elisabetta G., Luigina D., Sergio S., Arianna V., Mariateresa D., Paola S., Marina G., Roberto M., Emma B., Katia M., Valeria Z., Barbara T., Pierina F., Roberta C., Gastone P., Patrizia Z., Claudia M., Roberto D., Anna T., Monica R., Maristella B., Francesca L., Paola D., Ketty C., Valentina B., Ornella C., Franco F., Fabio R., Naima E., Zahua B., Paola B., Roberta B., Sonia R., Cristina D., Paola D., Maristella G.

 

Hanno collaborato e/o collaborano:

Le maestre Nadia Zanon, Ornella Turrin, Alessandra Mestriner, Lucia Cardinali, l’amministrazione comunale, la polizia locale, gli sponsor Zanotto s.r.l., Altinonline, Cinzia Sottana, Stelvio Gualdonini e la parrocchia.